INALAZIONI

Le inalazioni sulfuree consistono nell’introduzione di acqua minerale e dei suoi costituenti gassosi nelle vie respiratorie, mediante speciali apparecchiature atte a suddividere il mezzo curativo in minute particelle di diametro variabile.

La terapia inalatoria è uno dei più antichi approcci terapeutici per la cura delle malattie delle vie aeree. Un processo naturale che affonda le sue origini nelle tradizioni dell’antica Roma per le quali l’acqua sarebbe generatrice di salute: Salus per Aquam.

L’utilizzo di acqua per il benessere curativo è talmente antico che già dal V secolo a.C. ne abbiamo testimonianza. Fu Ippocrate che, nel suo primo trattato di medicina della storia, il “Corpus Hippocraticum”, ne tratta e ne divulga gli effetti.

Un processo inarrestabile che scorre ungo tutta la storia, dal Medioevo al Rinascimento sino ai giorni nostri nei quali, la gli effetti benefici e curativi delle acque termali sono stati riconosciuti dal mondo scientifico veri e propri presidi medici.

Cosa facciamo

  • Inalazioni caldo-umide a getto di vapore

Le apparecchiature frammentano l’acqua termale in particelle delle dimensioni di circa 100 µm, formando un getto di vapore che viene inalato dal paziente. Il getto viene convogliato contro filtri o piastre che consentono di eliminare le particelle più grosse e di ottenere una nebbia relativamente omogenea, del diametro di 8÷10 µm; con tali accorgimenti si ottiene un raffreddamento parziale del getto che raggiunge una temperatura ottimale di 37-38 °C. Il paziente si posiziona di fronte all’apparecchio, ad una di stanza di circa 20-25 cm dal beccuccio erogatore ed inala con il naso e/o con la bocca il vapore erogato. Le particelle vanno a depositarsi sulle mucose delle prime vie aeree, sviluppando un’azione di detersione e di stimolo delle mucose.

Indicazioni terapeutiche: affezioni del rinofaringe, delle vie aeree superiori, tracheiti e bronchiti croniche. 

  • Aerosol termale

L’apparecchio eroga, tramite il suo nebulizzatore in materiale plastico trasparente, una miscela di aria compressa ed acqua termale fluente ad una temperatura di circa 36°C. Gli aerosol termali sono costituiti da fini particelle di acqua termale in grado, secondo le dimensioni, di raggiungere anche le diramazioni più distali dell’albero respiratorio. L’aria compressa ha in genere una pressione compresa tra 0.8 e 1.2 atmosfere per ottenere particelle di diverso diametro: quelle superiori ai 3-5 µm si arrestano alle vie aeree superiori mentre quelle inferiori ai 3 µm raggiungono i distretti respiratori inferiori. Il paziente si pone sul viso una mascherina che copre naso e bocca e respira normalmente per la durata del trattamento; in alternativa alla mascherina è possibile utilizzare la forcella nasale in dotazione all’apparecchio.

Indicazioni terapeutiche: patologie croniche delle vie aeree superiori ed inferiori (naso, faringe, laringe, trachea e albero bronchiale).

  • Doccia nasale micronizzata

L’apparecchio eroga, tramite l’apposito RINO-JET in materiale plastico trasparente, acqua termale ad una temperatura di circa 36°C frazionata in particelle di dimensioni elevate (120 µm). Le particelle, sotto pressione dell’aria compressa, vengono sospinte all’interno delle narici. Il paziente si pone con la testa coricata da un lato ed inserisce il RINO-JET nella narice superiore ed avvia il trattamento; a metà del tempo si arresta il trattamento per permettere al curando di poter cambiare narice. Questo trattamento fluidifica le secrezioni presenti nelle fosse nasali e nel tratto rinofaringeo e faringeo tramite un abbondante flusso di particelle di acqua termale. In genere viene tollerato benissimo dai bambini ed è molto utile nelle patologie dell’orecchio medio in età pediatrica.

Indicazioni terapeutiche: particolarmente indicata in tutte le patologie catarrali croniche del naso e della gola (riniti, rinosinusiti e rinofaringiti); utile nelle otiti medie secretive del bambino e nelle otosalpingiti croniche dell’adulto. 

  • Aerosol medicale

L’apparecchio eroga, tramite il suo nebulizzatore in plastica trasparente, una miscela di aria compressa e di medicinale (dietro prescrizione medica). Il paziente si pone sul viso una mascherina che copre naso e bocca e respira normalmente per la durata del trattamento.

  • Doccia nasale 

È una tecnica di cura che permette il lavaggio delle fosse nasali tramite l’erogazione complessiva di almeno mezzo litro di acqua termale per ogni narice, ad una pressione pari a quella atmosferica e ad una temperatura di circa 38°C. Il paziente alterna il lavaggio delle due narici secondo gli intervalli prescritti: l’acqua termale (per mezzo di uno speciale irrigatore) viene fatta penetrare in una narice, provocandone la fuoriuscita dalla narice opposta. La testa del paziente dovrà essere chinata e ruotata, in modo che il flusso dell’acqua defluisca attraverso l’altra narice.

Contattaci

Nome (richiesto)

Email (richiesta)

Messaggio

L’interessato/a cliccando sul tasto "invia", dichiara di aver letto l'Informativa Privacy e di essere stato/a informato/a sui propri diritti dal titolare del trattamento ai sensi del Regolamento Europeo 679/2016 e pertanto presta il consenso al trattamento dei propri dati personali per le finalità e con le modalità indicate nell’informativa resa.